LA SICUREZZA IN CANTIERE

LA SICUREZZA IN CANTIERE

Iniziano i lavori ... ma la sicurezza?

Ti sei mai chiesto come eseguire una ristrutturazione in tutta tranquillità?

Come promesso, proverò ad indicarti la strada giusta da seguire

La materia della sicurezza nei cantieri temporanei mobili ( questo è il termine corretto per i cantieri edili) è molto complessa e varia, ed è racchiusa nel D.lgs. 81/2008 e successive modifiche, ma senza volerci addentrare in articoli, comma  e leggi  specifiche, cerchiamo di capire i punti principali che dobbiamo affrontare quando inziamo una ristrutturazione.

LA RESPONSABILITÀ' DELL'OPERA E COORDINAMENTO

il primo responsabile dell'opera di ristrutturazione è il COMMITTENTE, quindi TU!

Hai capito bene?

Sei hai compreso questo possiamo proseguire!

Devi sapere che quando commissioni un'opera ad un impresa, o lavoratore autonomo (artigiano) tu sei il primo responsabile dell'opera stessa, pertanto devi visionare sull'operato dell'impresa al fine che non succedano infortuni.....da cui nasce  la domanda:

"ma come faccio io a visionare sull'operato di un impresa se di edilizia e relative procedure non me ne intendo?"

Ecco che entra in campo la figura del COORDINATORE DELLA SICUREZZA, una figura professionale abilitata, che il committente nomina e a cui demanda le responsabilità dell'opera, in quanto tecnico abilitato con relative competenze certificate.

A seconda dell'opera esistono due tipi di coordinamento, uno in fase di progettazione (COORDINATORE DELLA PROGETTAZIONE ) ed uno in fase di esecuzione ( COORDINATORE PER L'ESECUZIONE), queste figure possono coincidere con il medesimo tecnico o essere due persone differenti

COORDINATORE

La figura del Coordinatore è obbligatoria in alcuni casi:

la presenza di due o più imprese che operano anche non contemporaneamente

durata lavori oltre 200 uomini-giorno

lavorazioni con rischi particolari

PSC e POS

queste due sigle ,comuni agli addetti dei lavori in edilizia ma spesso sconosciuti ai committenti, stanno ad identificare due documentazioni necessari per regolare le lavorazioni in cantiere al fine di gestire le interferenze tra le imprese,le modalità di lavorazione e di valutare rischi anche non derivanti prettamente dal cantiere stesso.

il PSC (Piano di sicurezza e coordinamento) viene redatto dal Coordinatore della sicurezza, nominato dal committente.

In questo documento vengono indicati tutti gli "ATTORI" del cantiere,Il Committente,Il Coordinatore in fase di progettazione ed in fase di esecuzione,il Responsabile dell'opera,le Imprese impiegate con le relative mansioni,layout del cantiere con indicazione di eventuali zone di stoccaggio materiali,interferenze con altre figure professionali e non( Condomini..) ed altre notizie relative all'operato del cantiere

Il POS( piano operativo di sicurezza) è un documento che deve essere redatto da ogni impresa operante in cantiere  sulla base del PSC e nel quale vengono indicate le figure di riferimento dell'impresa con relative mansioni e responsabilità,le modalità previste di lavorazione con indicazione dei materiali utilizzati e relative schede tecniche e rischi di utilizzo,le attrezzature utilizzate ,DPI ( dispositivi di protezione individuali) e modalità di utilizzo  e tutta una serie di informazioni riguardanti le modalità operative

DOCUMENTAZIONE

ogni impresa che entra in cantiere è tenuta a fornire delle documentazioni obbligatorie,che verranno consegnate al Coordinatore per la sicurezza,il quale si farà carico della loro regolarità,si riferiscono al POS, DURC( documento unico di regolarità contributiva) che attesta che l'impresa sia in regola con i pagamenti di INPS,INAIL e CASSA EDILE ,Nomina del RLS( responsabile dei lavoratori per la sicurezza),nomina del RSPP( responsabile del servizio di prevenzione e protezione dell'azienda),nomina del Medico competente,nomina del responsabile di primo soccorso,nomina del responsabile antincendio ed eventuali attestati di corsi obbligatori.

Tutta questa documentazione, nominando un Coordinatore della sicurezza, verrà vagliata solo da questa figura e non dal Committente

A questo punto ti sarai spaventato, per la mole di documentazione necessaria.

Non preoccuparti ,per le imprese è pane quotidiano(..o almeno dovrebbe esserlo),quindi ti verrà indicata la soluzione più adeguata alla tipologia di lavorazione da eseguire.

Purtroppo ,la legislazione ha equiparato cantieri importanti ,in termini di mole di lavoro( per esempio la  ristrutturazione di un casale di campagna) a ristrutturazioni  più piccole ( esempio il rifacimento di un bagno),dove intervengono ugualmente più imprese( muratori , idraulici ed elettricisti),creando problematiche di tipo informativo e burocratico per il committente...quindi posso capire le tue perplessità

Comunque niente paura, affidati ad una ditta competente e tutto sarò più semplice... o almeno sarai più tranquillo

Buona ristrutturazione

Seghedoni Alessandro

http://www.edilmanfre.it

Cerca nel blog:

Autore :

Alessandro Seghedoni

PERCHE' QUESTO BLOG?... Sono Alessandro  Seghedoni ,uno dei pochi  imprenditori Edili nato e cresciuto in cantiere. Ho iniziato la mia attività lavorativa subito dopo il diploma, quasi per scherzo(...come dico sempre..) giovane ma con molta voglia di imparare. Affiancando il mio "futuro suocero"ho iniziato dalla gavetta in cantiere.Ma giorno dopo giorno, anzi anno dopo anno ho assimilato i piccoli segreti dei vecchi mestieri Artigiani,affiancandoli piano piano alle nuove tecnologie e modalità costruttive. Cosi, quasi per scherzo sono passati trent'anni e la piccola impresa artigiana si è evoluta in una Impresa Edile SRL  moderna che conta 10 dipendenti e un albo fornitori di tutto rispetto. Ma veniamo al motivo della creazione di questo blog, che non è quello di spiegarti cosa ho fatto, ma di aiutarti ad entrare nel modo delle ristrutturazioni , affiancandoti nelle scelte e fornendoti  spiegazioni che ti saranno molto utili quando deciderai di farne una Buona lettura

Post recenti:

Categorie :